Come sconfiggere la malattia e come funzionano le cellule immunitarie

Il corpo umano non produce vitamina C, ma deve essere ottenuto da fonti esterne al corpo.

La vitamina C idrosolubile viene rapidamente escreta, motivo per cui ha senso integrare quotidianamente per garantire al corpo la protezione di cui ha bisogno.

Le persone che invecchiano tendono ad avere livelli più bassi di vitamina C circolanti nel flusso sanguigno e nelle cellule immunitarie.

Questo può portare a una funzione immunitaria compromessa.

Una delle funzioni più importanti della vitamina C è quella di supportare ed energizzare il sistema immunitario del corpo.

Le cellule immunitarie hanno molecole trasportatrici attive di vitamina C incorporate nelle loro membrane che pompano attivamente la vitamina nelle cellule quando è necessaria più vitamina C.

La vitamina C produce effetti benefici praticamente su tutte le cellule del sistema immunitario:

Cellule Natural Killer (NK) sicari:

Questi “sicari” del sistema immunitario si avvicinano a bersagli infettivi e maligni che sono stati identificati come estranei da altri componenti del sistema immunitario.

La vitamina C aiuta le cellule NK a rintracciare e distruggere anche le cellule tumorali riducendo l’effetto schermante delle piastrine (frammenti di cellule della coagulazione del sangue) che impedirebbe alle cellule NK di distruggerle.

Neutrofili

Sono le principali cellule del sistema immunitario per combattere le infezioni batteriche.

I neutrofili avvolgono gli organismi invasori, quindi li distruggono con potenti esplosioni di radicali liberi dell’ossigeno di breve durata.

La vitamina C supporta molti aspetti della funzione dei neutrofili, favorendo la loro capacità di inseguire bersagli batterici e migliorare la loro capacità di inghiottire e uccidere tali bersagli.

Linfociti

Sono cellule del sistema immunitario che producono anticorpi (chiamati linfociti B) e si coordinano con altre cellule immunitarie per guidarli verso le minacce che necessitano di distruzione.

Quando rilevano una minaccia, i linfociti si riproducono rapidamente in una risposta proliferativa che viene potenziata in presenza di vitamina C.

Anticorpi

Sono componenti non cellulari del sistema immunitario che aiutano a identificare e distruggere le minacce invasive e le cellule cancerose.

La vitamina C apporta benefici a questa porzione del sistema immunitario aumentando i livelli di tre principali classi di immunoglobuline anticorpali:

IgA, che protegge dalle infezioni principalmente sulle superfici delle mucose, come le vie respiratorie e digestive.

IgG, che fornisce protezione a lungo termine nel flusso sanguigno.

IgM che è la prima immunoglobulina ad apparire nel sangue in risposta alle minacce.

ATTENZIONE !!!

Non vogliamo discutere qua il danno che provoca il fumo, ormai è noto anche alle formiche, ma vogliamo illuminare ad un aspetto molto dannoso.

La nicotina in circolo nel sangue danneggia e rende inattiva la vitamina C, quindi se in media fumiamo ogni 20 minuti (il tempo per smaltire la nicotina dal sangue), abbiamo sempre la vitamina C inefficace tutto il tempo.

Un errore molto comune è di fumare dopo il pasto, tutta la vitamina C preso attraverso l’alimentazione viene disattivata per poi essere esecrata dopo 20 minuti.

Per questo dobbiamo scegliere la vitamina C a lungo rilascio, una nuova tecnologia brevettata che permette di rilasciare la vitamina C durante le 8 ore nel corpo piano piano! Scegliete l’efficacia!

fonti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19263912

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29099763

https://www.lifeextension.com/magazine/2015/11/the-link-between-vitamin-c-and-optimal-immunity

https://link.springer.com/article/10.2478/s11536-010-0066-x

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25010554

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5707683/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *